Marchio Hyundai
io la penso così ...
Ultimo aggiornamento gennaio 2018. Grandissima è la considerazione per il Gruppo Hyundai/Kia. In questi ultimi quattro anni ha fatto passi da gigante ma attenzione: perché non tutte le Hyundai sono auto da comprare a occhi chiusiLa nuova I30 è  un'auto riuscita. Ha una ottima guidabilità, un cambio a sette rapporti automatico valido e motori generosi ma soprattutto si porta come una bicicletta ed è pure oltre che comoda anche ben insonorizzata. Nella sua categoria, quella della Golf, non teme confronti. Chi cerca in questo segmento la consideri. La ibrida plug in Ioniq che ha come rivale la Toyota Prius invece non si può dire altrettanto. Rispetto alla giapponese costa meno ma è anche meno efficiente e meno scattante e manca di un tasto per andare solo elettrica a comando del guidatore. Quando si sale posteriormente, inoltre, l’andamento del tetto molto spiovente obbliga a chinare il capo ai più alti quindi ai tassisti questo piacerà poco. Ciliegina sulla torta sbagliata: la soglia d’accesso per accedere al piano di carico è molto alta, oltre 70 centimetri e l’altezza a disposizione è limitata in 38 centimetri, davvero pochi. Valida è invece la Tucson che è stata presentata nel 2015 mentre la Santa Fe sente il peso degli anni nonostante l'aggiornamento fatto nel 2015 e presto si vedrà la nuova. Attenzione al modello Kona: è eccezionale perché basata su una piattaforma che prevede due o quattro ruote motrici, diversi motori di ultimissima generazione, ha uno stile indovinato e interni curati: in poche parole è un poker servito. Ma attenzione alla scelta degli pneumatici perché con le ruote larghe non è silenziosissima. Presto arriverà anche con i diesel nuovi e l'offerta commericiale di Hyundai Italia è la più cristallina che ci sia perché permette di prederla benzina e quando arriva la diesel eventualmente cambiarla.